22117_4_468.jpg
22117_4_468.jpg

I musicanti di Scampia...animali da palcoscenico

C'era una volta, ma non troppo tempo fa, un tale di nome Paolo Salzano, aspirante rock star, detto 'A scign per la grande quantità di peli presenti su tutto il corpo e soprattutto per certi versi che era solito emettere quando era eccitato, per esempio prima di un concerto. A suo dire facevano parte di un rituale di buon auspicio ma in realtà non erano altro che tic.
Una fredda sera di gennaio 'A scign camminava lungo Corso Garibaldi a Napoli, cantando a squarciagola, quando s'imbattè in un cartellone pubblicitario che promuoveva una rassegna musicale per giovani talenti presso il centro sociale "Animal instinct" di Scampia. Paolo era un ventiduenne nato e cresciuto in un quartiere della periferia di Napoli, che, come molti suoi coetanei, viveva alla giornata cercando di sfruttare le poche occasioni che la vita gli offriva. E di occasioni, come è facile immaginare, ce n'erano sempre meno, specie in una "giungla" come quella, dove tirare avanti diventa ogni giorno un'avventura. Il giovane, che non aveva continuato gli studi oltre la scuola dell'obbligo, rientrava perfettamente nel canone del ragazzo-di-strada-napoletano. La voglia di studiare proprio non gli apparteneva, e poi bisognava cercarsi un lavoro per contribuire al mantenimento della famiglia. Aveva quasi sedici anni quando iniziò a lavorare come garzone nella bottega di un artigiano, ma ben presto si rese conto che il lavoro, come la scuola, era una cosa che non faceva per lui.
In contrasto con la sua apparenza di ragazzo scansafatiche e un po' rozzo, il giovane nutriva un amore viscerale per la musica. Possedeva una chitarra elettrica, regalo di un amico di suo padre, e nel giro di poco tempo aveva imparato, da autodidatta, a suonarla benissimo. Gli piaceva particolarmente comporre musica rock, e fu così che nel giro di poco tempo diede vita ad una rock band insieme ad alcuni amici: i "Punkabbestia". Divennero presto conosciuti tra i giovani del quartiere ed erano molto apprezzati; in meno di un anno si erano fatti un nome nella zona e venivano spesso contattati per serate musicali nei diversi locali dell'hinterland napoletano. Iniziarono così a racimolare un po' di soldi e avevano buone prospettive per una carriera promettente quando, per una serie di "sfortunate circostanze", erano stati costretti a sciogliere il gruppo.
Così 'A Scign, che non si era per niente rassegnato all'idea di abbandonare il suo sogno di rock star, non riusciva a credere ai suoi occhi quando aveva letto quell'annuncio. Due anni prima una "vacanza forzata" al carcere di Poggioreale aveva infranto il suo sogno: ora il destino gli stava offrendo una seconda opportunità, bisognava ricominciare!
Paolo decise subito di ricontattare i vecchi componenti della band punk-rock di cui lui era stato il cantante. I componenti del gruppo, quattro giovani della periferia napoletana accomunati da una grande passione per la musica rock, si erano ormai persi di vista dopo la loro ultima esibizione nel locale di un parente di Mario, il batterista, poco tempo prima che Paolo venisse condannato a scontare la sua pena. Oltre a Paolo e Mario, c'erano Gennaro e Ciro. Gennaro era un componente fondamentale del gruppo, grazie al suo talento negli arrangiamenti e al suo modo quasi magico di creare suoni e di evitare disastri tecnici in qualsiasi concerto. Aveva però una pessima abitudine: ripetere a voce alta tutto ciò che i suoi amici dicevano, ritenendo che questa "tecnica" lo aiutasse a migliorare la sua memoria. Per questa sua particolarità era da tutti conosciuto come "o pappavall". Poi c'era Ciro, soprannominato 'A volp, per via della sua sagacia, che gli consentiva di cavarsela in ogni situazione, proprio come quella volta che, colto in flagrante nel tentativo di rubare un motorino, era riuscito a sfuggire alla polizia. Paolo, che si trovava lì per puro caso, era finito in galera al posto suo. Da quel giorno la loro amicizia di vecchia data si trasformò in accesa ostilità reciproca. Paolo non riusciva a perdonare all'amico lo sgarro ricevuto: fuggire via così, lasciandolo nei guai, ignaro della situazione in cui era venuto a trovarsi suo malgrado, lui che - sebbene non fos
thanksforadd.jpg
thanksforadd.jpg
se proprio uno stinco di santo - quella mattina era uscito di casa senza cattive intenzioni!
Naturalmente Paolo evitò di far sapere a Ciro della sua idea di riunire il gruppo e, soprattutto, chiese agli altri componenti di non accennargli nulla riguardo la rassegna musicale a cui avrebbero partecipato. Ma si sa, le notizie volano e Ciro non solo venne a sapere della reunion musicale ma, adirato per questa esclusione, decise di cercare in ogni modo di boicottare la serata dei suoi ex amici. «Come è possibile che io, 'A volp, sia stato escluso?» – continuava a ripetersi, mentre la rabbia montava sempre più. «M' han fatt for! Cia' facce' pavà!!». E così iniziò ad escogitare un piano a prova di bomba che potesse far fallire l'esibizione del gruppo e permettergli di vendicarsi del torto subìto.
Nel frattempo i tre amici dovevano trovare un luogo dove provare il loro repertorio di canzoni in quanto erano messi abbastanza male! Inoltre, essendo disoccupati, non avevano la possibilità di fittare una sala prove per esercitarsi. Questo era un vero dramma! Cosa architettare? Pensarono di stabilirsi a casa di una vecchia zia di Paolo, una signora sola, un pò sorda e soprattutto pensionata. Paolo era sempre stato il suo nipotino preferito perciò ottenere ospitalità e soprattutto spillarle qualche soldo, sarebbe stato un gioco da ragazzi. Nel giro di pochi giorno i ragazzi trasformarono la casa della vecchia zia 'Ndunettella in una vera e propria sala prove. Sembrava essere tornati indietro di anni. Insomma, si era ricreata quell'atmosfera di un tempo che, erano certi, avrebbe portato di nuovo il gruppo alla ribalta e ad un garantito successo. Ma i nostri eroi erano ancora ignari di quello che di lì a poco stava per succedere. Infatti Ciro 'A volp, venuto a sapere del luogo in cui stavano provando il loro repertorio, volle cominciare col divertirsi un pò, prima della stangata finale che stava architettando ai loro danni e, con la complicità di alcune sue vecchie conoscenze (era di buon appetito, per cui conosceva ristoratori, pizzaioli), ordinò a nome dei suoi ex-amici e sul conto della zia 'Ndunettella, pietanze e prelibatezze varie che arrivavano a casa sua ogni giorno. La povera zia, credendo che fossero i suoi ospiti ad ordinare tutto ciò, iniziò a perdere la pazienza fino ad arrivare addirittura ad essere aggressiva ed un pò manesca: se non avessero smesso di approfittare della sua disponibilità, li avrebbe cacciati di casa a suon di bastonate.
volpe_definitiva_copia.JPG
volpe_definitiva_copia.JPG
Intanto 'A Volp stava organizzando insieme ad altre persone poco raccomandabili, il fallimento della loro performance. Così poche ore prima dello spettacolo si introdusse all'interno del centro sociale. Nella zona conosceva praticamente tutti; era diventato addirittura un idolo per l'arrangiamento in versione rock di Scivola quel jeans durante un concerto tenutosi proprio in quel centro sociale. Sarebbe stato un gioco da ragazzi! Consegnò al tecnico del suono delle basi musicali, napulegno puro, raccomandandogli di farle partire per l'esibizione dei Punkabbestia poi, preso il posto del tecnico delle luci, si sedette alla postazione stabilita e attese con ansia e rancore l'arrivo della band da dietro le quinte.
Nel frattempo il gruppo era uscito per comprare gli abiti di scena, naturalmente con i soldi della pensione della zia! Paolo era riuscito a convincere l'anziana donna di quanto fosse importante la riuscita di quel concerto per ognuno di loro e in particolare per lui, il suo nipotino preferito: un modo per riscattarsi da un passato difficile e la speranza di diventare famoso e di iniziare una nuova vita più fortunata e priva di stenti. Il discorso di Paolo toccò a tal punto il cuore della zia che la povera vecchina, commossa, decise di regalare al nipote la sua intera pensione. 'A scign, con una piccola fortuna in tasca, si precipitò in strada: il tempo stringeva! Mancavano solo poche ore allo spettacolo: doveva sbrigarsi! Aveva in mente di procurarsi degli abiti di scena favolosi per stupire il pubblico, ma ad un prezzo abbordabile. Si ricordò di quello che un suo compagno di cella gli aveva detto durante la sua permanenza a Poggioreale: "Ricordati che se ti serve qualcosa, puoi rivolgerti, a nome mio, a Pepp o Sciangat; lui ti risolverà qualsiasi problema." Così, mentre gli altri si recavano con gli strumenti all' "Animal Instinct", lui si diresse in una delle "vele" di Scampia alla ricerca dell'uomo dalle mille risorse. Ci voleva un colpo di fortuna! E così fu. Origliando un battibecco tra due che a dire il vero sembravano un po' a uoglje, sentì delle grida che provenivano dall'interno di un garage "Oi Pè! Te sciarm 'e mazzat si stavot nu ppav !" Era sicuramente il Peppe che cercava. Lo prese per un braccio, salvandolo da un destino poco felice, e durante la fuga gli espose il suo problema. Si misero in salvo nell'appartamento di Peppe: sul pavimento e sulle poltrone, non proprio nuove, c'erano, sparsi qua e là, dei costumi di scena un po' consunti. O' Sciangat, che in gioventù era stato costumista al teatro San Carlo, si era portato come ricordo qualche abito stravagante. Nella grossa confusione Paolo vide quello che faceva al suo caso: alcuni costumi di animali che occhieggiavano da sotto un telo. Si trattava di abiti di scena utilizzati nella rappresentazione del Flauto Magico di Mozart! Riuscì ad ottenerli per pochi euro. Dopo essersi ringraziati a vicenda, Paolo si infilò in macchina e corse verso il centro sociale con l'adrenalina a mille, verso i suoi amici, verso un concerto che... chissà... magari gli avrebbe riaperto le porte ad un futuro migliore di quello gli si era prospettato.
Intanto all' Animal Istinct si erano radunati tantissimi giovani in attesa dello spettacolo. Si trattava di frequentatori assidui del centro che, abitualmente, si intrattenevano lì fino a tarda sera. Utilizzavano soprattutto il piano terra perchè il piano superiore era un po' traballante. Al piano inferiore c'erano in tutto quattro stanze: una sala ristorazione, una sala riunioni, una sala per le attività ricreative (con tanto di videogiochi e tavolo da ping-pong) e, infine, la sala prove. Quest'ultima era decisamente quella più "pittoresca": una stanza grandissima le cui pareti erano state "affrescate" con i nomi delle band che, negli anni, si erano avvicendate a suonarvi.
Quando Paolo arrivò al centro, mancavano pochi minuti all'inizio dello spettacolo: occorreva infilarsi velocemente i costumi e andare in scena. Il caso volle che tra i vestiti che si era procurato ce ne fosse uno da scimmia che, ovviamente, indossò immediatamente e uno da pappagallo che andava a pennello a Gennaro O' pappavall. Ciro A' volp intanto aspettava dietro le quinte e cominciava ad assaporare la vendetta. Finalmente giunse il momento della performance: il centro era pieno di gente, soprattutto giovani che avevano fatto della musica e di quel centro sociale un fondamentale punto di riferimento per vite spesso senza nè grandi prospettive e nè rosee speranze. I Punkabbestia erano emozionatissimi e carichi di adrenalina: salirono sul palco e cominciarono a suonare col cuore gonfio di sogni, convinti che con la loro performance avrebbero riscosso un grande successo. Ma si resero ben presto conto che, in sottofondo al suono dei loro strumenti, c'era come una musica neomelodica che interferiva... Nonostante tutto i ragazzi della band cercarono di portare avanti la loro esibizione, ma il risultato, purtroppo, non fu quello che si sarebbero aspettati. Intanto, dietro le quinte, A' volp, agitatissimo, stava discutendo animatamente con il tecnico del suono che, finalmente, si era reso conto della gravità del suo diabolico piano; gesticolando come un forsennato nel tentativo di scagionarsi, sbadatamente rovesciò la tazza del caffè sul mixer provocando un corto circuito.
Nel giro di breve tempo divampò un incendio. Mentre tutti scappavano, A'volp non si mosse e non tentò nemmeno la fuga, rideva dietro le quinte, incurante del pericolo e aspettando di affrontare faccia a faccia il suo nemico....
Le fiamme ormai divampavano ma A'scign e O'pappavall rimasero attoniti sul palco, guardando straniti tutti coloro che, in preda al panico, cercavano di trovare scampo fuori dal centro. Nel caos più totale fiumi di pensieri inondarono la mente di Paolo...- Come è possibile? Ancora un'altra opportunità andata in fumo... Per l'ennesima volta un sogno in frantumi... Cosa ho fatto per meritare tutto questo? Cosa ho sbagliato nella mia vita? Sembrava che questa volta tutto potesse andare per il meglio e invece ancora un'altra fregatura... - Si sentiva responsabile nei confronti di quegli amici che, con l'entusiasmo di un tempo, avevano acconsentito a rimettersi in gioco e avevano investito in quest'avventura tutto ciò che avevano: speranze, tempo e i pochi soldi che avevano.
Nel frattempo A'volp non si era reso conto di essere circondato dalle fiamme che ormai gli impedivano di scappare. Sembrava che la volontà di raggiungere il proprio scopo l'avesse privato dei cinque sensi. Se solo avesse conosciuto per un istante il senso della solidarietà umana, se solo avesse provato per una volta il sentimento della compassione, se la vigliaccheria non fosse stata accecante a tal punto da renderlo una persona così misera....
Lentamente le fiamme stavano raggiungendo il suo corpo e il calore cominciava a farsi sentire sempre più intensamente. A' volp ripeté più forte che poteva "Aiuto! Aiuto!" affinché qualcuno potesse sentirlo. Quelle grida distolsero Paolo dai suoi pensieri e lo spinsero a cercare di capire da dove provenissero. Quando individuò l'uomo in pericolo, si fece largo tra le fiamme e cercò di soccorrerlo. Ciro fu colpito all'improvviso da un faretto che l'incendio aveva staccato dal supporto in legno, già in origine precario, e cadde a terra svenuto. Non c'era tempo da perdere! Le fiamme erano pericolosamente vicine al suo corpo! 'A Scign, benché accecato dal fumo che gli faceva bruciare gli occhi, si precipitò ad afferrare l'estintore, ma il sangue gli si gelò nelle vene: l'estintore era scarico!!! Gridò allora all'amico 'O Pappavall di "volare" da lui per aiutarlo a tirar fuori da lì l'uomo in pericolo. Fra mille imprecazioni, lievi ustioni e tanta fortuna, i due riuscirono nell'impresa.
Allontanandosi dall'incendio, stremato e affumicato, ma vivo! Paolo si rese conto che aveva appena corso il rischio di perdere la vita per salvare il suo nemico 'A Volp e così, confuso tra mille pensieri contraddittori, cercò di rianimare l'ex amico. "Ciro,Ciro!!" e ancora "Ciroo, Cirooo!!". Dopo qualche istante 'A Volp iniziò pian piano a riprendere i sensi. Appena i due si guardarono negli occhi, 'A Scign capì che era stato Ciro a boicottare il concerto e a provocare l'incendio, ma ciononostante qualcosa tra di loro magicamente cambiò d'improvviso in quell'istante: 'A Volp scoppiò in lacrime fra le braccia di Paolo implorandolo di perdonare quell'atto orribile, frutto soltanto del rancore provato nei loro confronti, dalla rabbia di non poter più fare parte del gruppo. Ora tutto ciò che provava era il profondo rammarico per non aver saputo coltivare l'amicizia che un tempo li aveva uniti.
Paolo in un attimo capì che quel giorno il suo sogno di affermarsi come grande musicista era andato di nuovo letteralmente in fumo, ancora una volta non era riuscito a dare una svolta né alla sua vita né a quella dei suoi amici, il suo cuore era pieno di amarezza ma fra tanta delusione almeno di una cosa poteva essere contento: aveva ritrovato un amico..
Intanto, nel caos successivo all'incendio, erano arrivati i vigili del fuoco e soprattutto gli sbirri che, vedendo a terra una vecchia conoscenza e il suo compare, ci misero poco a trarre le debite conclusioni: nulla era accaduto per caso. Eppure sembrava proprio che 'A scign da un po' cercasse di rigare diritto!
Paolo raccontò ai carabinieri l'evolversi degli eventi, evitando però accuratamente di riportare la confessione del ritrovato amico. Agli sbirri i fatti proprio non tornavano, gli indizi erano chiari e i ragazzi nascondevano evidentemente qualcosa: erano fermamente intenzionati ad incriminare qualcuno per incendio doloso. Ma poi, considerato l'atto di eroismo di Paolo e Gennaro e le condizioni di Ciro, decisero alla fine di lasciar stare. In fondo - come disse il maresciallo - ad un concerto organizzato da bestie, cosa mai ci si poteva aspettare!!!
Da bravi napoletani, musicisti e sbirri si ritrovarono più tardi a risolvere tutto davanti ad una bella pizza margherita nella trattoria in cui 'A volp aveva per tante volte ordinato il pranzo a scapito dei suoi ex-nemici e della povera zia di Paolo...questa volta però il conto lo si divideva alla romana!

Seppur favola metropolitana non può mancare il più tradizionale dei finali...
E vissero tutti disoccupati e contenti... Oops... Felici e contenti...